archivio articoli
  • Ho incontrato Claude Andreini al ritorno da Chicago e gli ho posto alcune domande, allo scopo di evidenziare e di meglio capire la genesi, le motivazioni e le intenzioni comunicative ed artistiche che stanno alla base di questo suo lavoro di fotografo ed artista. Come è nata Metropolis? “L’ispirazione per questo mio lavoro è nata visitando tante città europee, grandi e piccole, dove ho avuto la sensazione che l’architettura moderna, rigorosa, funzionale, fatta di materiali  lisci e duri, come l’acciaio, brillanti e trasparenti come il vetro, non fosse affatto accettata. Idem per altre strutture, magari antichizzanti, segni di passata ricchezza, […]

    A proposito di “Metropolis”… intervista a Claude Andreini

    Ho incontrato Claude Andreini al ritorno da Chicago e gli ho posto alcune domande, allo scopo di evidenziare e di meglio capire la genesi, le motivazioni e le intenzioni comunicative ed artistiche che stanno alla base di questo suo lavoro di fotografo ed artista. Come è nata Metropolis? “L’ispirazione per questo mio lavoro è nata visitando tante città europee, grandi e piccole, dove ho avuto la sensazione che l’architettura moderna, rigorosa, funzionale, fatta di materiali  lisci e duri, come l’acciaio, brillanti e trasparenti come il vetro, non fosse affatto accettata. Idem per altre strutture, magari antichizzanti, segni di passata ricchezza, […]

    Leggi il resto...

  • Superficie: 274.471 Km² Popolazione: 13 milioni abitanti (2005) Reddito procapite: 1040 $ (2005) Speranza di vita: 46 anni (2003) Popolazione con meno di 1 $ al giorno: 45% (2002) Accesso all’acqua da bere: 51% (2002) Bambini sottopeso sotto i 5 anni: 34% (2003) Spesa per salute: 7% P.I.L. (2005) Spesa per difesa: 14% P.I.L. (2005) Leggendo un quotidiano locale sono venuta a conoscenza dell’esistenza di un’associazione di volontariato a Quarto d’Altino, Oltreiconfini,  che ha messo in piedi un ambizioso progetto d’aiuto per il villaggio di Pendogo situato  in uno dei più poveri paesi dell’Africa sub-sahariana, il Burkina-Faso. Il progetto consiste […]

    Una goccia d’acqua nel deserto del Burkina-Faso

    Superficie: 274.471 Km² Popolazione: 13 milioni abitanti (2005) Reddito procapite: 1040 $ (2005) Speranza di vita: 46 anni (2003) Popolazione con meno di 1 $ al giorno: 45% (2002) Accesso all’acqua da bere: 51% (2002) Bambini sottopeso sotto i 5 anni: 34% (2003) Spesa per salute: 7% P.I.L. (2005) Spesa per difesa: 14% P.I.L. (2005) Leggendo un quotidiano locale sono venuta a conoscenza dell’esistenza di un’associazione di volontariato a Quarto d’Altino, Oltreiconfini,  che ha messo in piedi un ambizioso progetto d’aiuto per il villaggio di Pendogo situato  in uno dei più poveri paesi dell’Africa sub-sahariana, il Burkina-Faso. Il progetto consiste […]

    Leggi il resto...

  • Abbiamo esordito in modo accattivante e giocoso, per tentare di fugare il pregiudizio di pedanteria che accompagna spesso la cultura, con una serata di poesia, “Pensieri DIvini”, curata dalla prof.ssa Mariella Collovini e animata dagli attori della compagni “Altre voci “, che ha voluto essere un brindisi metaforico, di buon augurio per l’attività della neo-nata associazione. Abbiamo poi proseguito con un seminario dal titolo “Comunicare in modo costruttivo”, tenuto dal dott. Ezio Ciancibello. Non abbiamo trascurato neanche il campo tecnico scientifico, ecco allora la serata sull’energia sul tema “Utilizzo dell’energia solare in edilizia civile”, che ha avuto come relatori il […]

    ottobre 2005

    Abbiamo esordito in modo accattivante e giocoso, per tentare di fugare il pregiudizio di pedanteria che accompagna spesso la cultura, con una serata di poesia, “Pensieri DIvini”, curata dalla prof.ssa Mariella Collovini e animata dagli attori della compagni “Altre voci “, che ha voluto essere un brindisi metaforico, di buon augurio per l’attività della neo-nata associazione. Abbiamo poi proseguito con un seminario dal titolo “Comunicare in modo costruttivo”, tenuto dal dott. Ezio Ciancibello. Non abbiamo trascurato neanche il campo tecnico scientifico, ecco allora la serata sull’energia sul tema “Utilizzo dell’energia solare in edilizia civile”, che ha avuto come relatori il […]

    Leggi il resto...

  • Classificazione: oasi naturale, cioè zona che gode di un certo livello di protezione: sono vietate alcune attività come la caccia. Questo livello non è sufficiente per impedire lo sfruttamento edilizio ed alcune attività anche di peso antropico importante. Posizione geografica: geologicamente la zona è inclusa nel bacino del Tagliamento e si estende da Portovecchio a Cintello, lungo il fiume Lemene, su una larghezza di circa 1 km. Estensione: complessivamente sono circa 140 ettari di superficie. Tipologia: zona di pianura con porzioni umide, lungo il fiume Lemene. Origine: a tutt’oggi il parco in quanto tale non è stato ancora istituito ufficialmente, […]

    Il “parco” di Boldara – Scheda tecnica

    Classificazione: oasi naturale, cioè zona che gode di un certo livello di protezione: sono vietate alcune attività come la caccia. Questo livello non è sufficiente per impedire lo sfruttamento edilizio ed alcune attività anche di peso antropico importante. Posizione geografica: geologicamente la zona è inclusa nel bacino del Tagliamento e si estende da Portovecchio a Cintello, lungo il fiume Lemene, su una larghezza di circa 1 km. Estensione: complessivamente sono circa 140 ettari di superficie. Tipologia: zona di pianura con porzioni umide, lungo il fiume Lemene. Origine: a tutt’oggi il parco in quanto tale non è stato ancora istituito ufficialmente, […]

    Leggi il resto...

  • L’idea di un “foresto”, un lavoro da pazzi (pochi)… Un piacere per tutti (tanti). Il mio primo intervento sull’ambiente di Boldara, che nel frattempo era diventato il mio luogo di residenza, risale all’autunno 1989, quando, stanco di vedere la zona abbandonata all’incuria ed usata palesemente come discarica abusiva incominciai, con l’aiuto della mia famiglia, la pulizia del bosco accanto al mulino. Ebbe così inizio il recupero di quel sito naturale che un giorno, forse, diventerà ufficialmente il Parco di Boldara. Per anni, con pochi aiuti e risorse, sono stati piantati centinaia, meglio, migliaia di alberi autoctoni, arbusti e carici. Sono […]

    Un Parco a Boldara?

    L’idea di un “foresto”, un lavoro da pazzi (pochi)… Un piacere per tutti (tanti). Il mio primo intervento sull’ambiente di Boldara, che nel frattempo era diventato il mio luogo di residenza, risale all’autunno 1989, quando, stanco di vedere la zona abbandonata all’incuria ed usata palesemente come discarica abusiva incominciai, con l’aiuto della mia famiglia, la pulizia del bosco accanto al mulino. Ebbe così inizio il recupero di quel sito naturale che un giorno, forse, diventerà ufficialmente il Parco di Boldara. Per anni, con pochi aiuti e risorse, sono stati piantati centinaia, meglio, migliaia di alberi autoctoni, arbusti e carici. Sono […]

    Leggi il resto...

  • Boldara è sicuramente la zona più verdeggiante di Gruaro, perciò meta di scolaresche desiderose di conoscenza e anche di adulti in cerca di pace. Essendo attraversata dal Lemene, è rifugio e casa per uccelli, anatre, oche e cigni depongono le uova nelle rive del fiume, ma purtroppo i piccoli non sempre nascono perchè dei “visitatori indesiderati” toccano le uova. Comunque la passeggiata è un posto dove si può rimanere a contatto con la natura. Per me, le stagioni più adatte per visitare il parco, sono la Primavera e l’Estate. La Primavera, porta con sè profumi e suoni gradevoli: le piante […]

    A contatto con la natura

    Boldara è sicuramente la zona più verdeggiante di Gruaro, perciò meta di scolaresche desiderose di conoscenza e anche di adulti in cerca di pace. Essendo attraversata dal Lemene, è rifugio e casa per uccelli, anatre, oche e cigni depongono le uova nelle rive del fiume, ma purtroppo i piccoli non sempre nascono perchè dei “visitatori indesiderati” toccano le uova. Comunque la passeggiata è un posto dove si può rimanere a contatto con la natura. Per me, le stagioni più adatte per visitare il parco, sono la Primavera e l’Estate. La Primavera, porta con sè profumi e suoni gradevoli: le piante […]

    Leggi il resto...

  • Ce scrivitu nona ? Scrif poesiis E ce l’esi poesiis? Zin, zin, sot la lobia a vede li sisilis ch’i scrif poesiis… (Rosanna Paroni Bertoia) Una serata dedicata alla poesia e, in particolare, a quella dialettale ha bisogno di alcune precisazioni. Essa, innanzitutto non è fine a se stessa, ma nasce nell’ambito di quel percorso di valorizzazione del territorio che “La Ruota” si è proposta di realizzare anche se, apparentemente, ne rovescia la prospettiva. Infatti una scelta di questo genere può apparire, ad una analisi affrettata, azzardata, elitaria, difficile, punto d’arrivo non di partenza, ma noi siamo convinti che il […]

    Ce l’esi poesiis?

    Ce scrivitu nona ? Scrif poesiis E ce l’esi poesiis? Zin, zin, sot la lobia a vede li sisilis ch’i scrif poesiis… (Rosanna Paroni Bertoia) Una serata dedicata alla poesia e, in particolare, a quella dialettale ha bisogno di alcune precisazioni. Essa, innanzitutto non è fine a se stessa, ma nasce nell’ambito di quel percorso di valorizzazione del territorio che “La Ruota” si è proposta di realizzare anche se, apparentemente, ne rovescia la prospettiva. Infatti una scelta di questo genere può apparire, ad una analisi affrettata, azzardata, elitaria, difficile, punto d’arrivo non di partenza, ma noi siamo convinti che il […]

    Leggi il resto...

  • Di sé ha scritto: “In un giorno di vento, Lionello Fioretti nacque a Bagnarola, benedicendo la primavera del ’45. Per rendere lieti i genitori dimorò nelle galere della scuola italiana, laureandosi in lettere a Padova, dove capì suo padre che esclamava ”mus padovan”, quando da piccolo impuntava i piedi. Non volendo trasmettere ignoranza a ignoranti, evitò a muso duro e berretta rincalcata, la carriera scolastica. Non potendo vivere di pittura (ebbe un maestro misericordioso e pieno di significativi silenzi: Tramontin), diventò medico di dipinti antichi, condannandosi a un eterno precariato: non conosceva l’uso della “sportula” e in più diceva quello […]

    Lionello Fioretti

    Di sé ha scritto: “In un giorno di vento, Lionello Fioretti nacque a Bagnarola, benedicendo la primavera del ’45. Per rendere lieti i genitori dimorò nelle galere della scuola italiana, laureandosi in lettere a Padova, dove capì suo padre che esclamava ”mus padovan”, quando da piccolo impuntava i piedi. Non volendo trasmettere ignoranza a ignoranti, evitò a muso duro e berretta rincalcata, la carriera scolastica. Non potendo vivere di pittura (ebbe un maestro misericordioso e pieno di significativi silenzi: Tramontin), diventò medico di dipinti antichi, condannandosi a un eterno precariato: non conosceva l’uso della “sportula” e in più diceva quello […]

    Leggi il resto...

  • Molte volte mi è capitato di trovare la parola cultura in diverse situazioni e in diversi campi, però non mi ero mai fermata a pensare a che significato questo concetto avesse, fino a quando non ho iniziato a scrivere quest’articolo. Definire che cos’è la cultura non è sicuramente facile perché questo è un termine molto complesso. Partendo dal presupposto che la parola “cultura” può essere utilizzata in molti ambiti, per comprenderne il significato, secondo me, bisogna capire che cosa accomuna tutti gli aspetti di questo termine. Quello che li unisce è a mio parere il concetto di conoscenza, poiché la […]

    A proposito di “Cultura”…

    Molte volte mi è capitato di trovare la parola cultura in diverse situazioni e in diversi campi, però non mi ero mai fermata a pensare a che significato questo concetto avesse, fino a quando non ho iniziato a scrivere quest’articolo. Definire che cos’è la cultura non è sicuramente facile perché questo è un termine molto complesso. Partendo dal presupposto che la parola “cultura” può essere utilizzata in molti ambiti, per comprenderne il significato, secondo me, bisogna capire che cosa accomuna tutti gli aspetti di questo termine. Quello che li unisce è a mio parere il concetto di conoscenza, poiché la […]

    Leggi il resto...

  • Le diverse esperienze dell’economia solidale nascono come reazione valoriale, ma anche concreta e propositiva, nei confronti di una economia giudicata troppo attenta alla crescita della ricchezza e poco alla sua equa distribuzione, più incline alla competizione che alla solidarietà. L’economia solidale rifiuta la massimizzazione del profitto come obiettivo primario delle attività economiche e di sviluppo della società; ritiene, invece, che tale obiettivo vada individuato nel profitto sociale e nell’attenzione al bene comune, cui tutti possono contribuire:  poggia sul concetto di cittadinanza attiva e responsabile e considera di volta in volta l’individuo come cittadino attivo, consumatore critico, risparmiatore consapevole e responsabile. […]

    La finanza etica e l’esperienza di Banca Etica

    Le diverse esperienze dell’economia solidale nascono come reazione valoriale, ma anche concreta e propositiva, nei confronti di una economia giudicata troppo attenta alla crescita della ricchezza e poco alla sua equa distribuzione, più incline alla competizione che alla solidarietà. L’economia solidale rifiuta la massimizzazione del profitto come obiettivo primario delle attività economiche e di sviluppo della società; ritiene, invece, che tale obiettivo vada individuato nel profitto sociale e nell’attenzione al bene comune, cui tutti possono contribuire:  poggia sul concetto di cittadinanza attiva e responsabile e considera di volta in volta l’individuo come cittadino attivo, consumatore critico, risparmiatore consapevole e responsabile. […]

    Leggi il resto...

Pagina 30 di 32« Prima...1020...2829303132