archivio articoli
  • Le diverse esperienze dell’economia solidale nascono come reazione valoriale, ma anche concreta e propositiva, nei confronti di una economia giudicata troppo attenta alla crescita della ricchezza e poco alla sua equa distribuzione, più incline alla competizione che alla solidarietà. L’economia solidale rifiuta la massimizzazione del profitto come obiettivo primario delle attività economiche e di sviluppo della società; ritiene, invece, che tale obiettivo vada individuato nel profitto sociale e nell’attenzione al bene comune, cui tutti possono contribuire:  poggia sul concetto di cittadinanza attiva e responsabile e considera di volta in volta l’individuo come cittadino attivo, consumatore critico, risparmiatore consapevole e responsabile. […]

    La finanza etica e l’esperienza di Banca Etica

    Le diverse esperienze dell’economia solidale nascono come reazione valoriale, ma anche concreta e propositiva, nei confronti di una economia giudicata troppo attenta alla crescita della ricchezza e poco alla sua equa distribuzione, più incline alla competizione che alla solidarietà. L’economia solidale rifiuta la massimizzazione del profitto come obiettivo primario delle attività economiche e di sviluppo della società; ritiene, invece, che tale obiettivo vada individuato nel profitto sociale e nell’attenzione al bene comune, cui tutti possono contribuire:  poggia sul concetto di cittadinanza attiva e responsabile e considera di volta in volta l’individuo come cittadino attivo, consumatore critico, risparmiatore consapevole e responsabile. […]

    Leggi il resto...

  • L’economia solidale è un fenomeno complesso, che investe non solo il modo di produrre, ma anche di consumare e di impostare relazioni. Parlarne significa accennare, almeno per stabilire un confronto, anche all’economia tradizionale, neoliberista, che ha nella legge di mercato e nel profitto le sue regole fondamentali. In questa teoria economica, semplificando, altre considerazioni, come i riflessi sociali o gli impatti ambientali della faccenda, sono considerati solo fastidi da scacciare come un pensiero cattivo o da valutare proprio quando non se ne può fare a meno per evitare danni peggiori. Tuttavia questi problemi esistono, si manifestano, condizionano il vivere sociale […]

    Non solo profitti

    L’economia solidale è un fenomeno complesso, che investe non solo il modo di produrre, ma anche di consumare e di impostare relazioni. Parlarne significa accennare, almeno per stabilire un confronto, anche all’economia tradizionale, neoliberista, che ha nella legge di mercato e nel profitto le sue regole fondamentali. In questa teoria economica, semplificando, altre considerazioni, come i riflessi sociali o gli impatti ambientali della faccenda, sono considerati solo fastidi da scacciare come un pensiero cattivo o da valutare proprio quando non se ne può fare a meno per evitare danni peggiori. Tuttavia questi problemi esistono, si manifestano, condizionano il vivere sociale […]

    Leggi il resto...

  • Anno nuovo, nuovi sviluppi e molte possibilità per “La Ruota”. Un punto nodale per lo svolgimento delle attività della nostra Associazione è rappresentato dal recepimento delle proposte di programmazione sin qui avanzate dal pubblico partecipante (e non) alle iniziative precedenti. Ci pare pertanto interessante pubblicare i risultati “preliminari” dello spoglio dei questionari fin qui ricevuti (Novembre – Dicembre 2004). E’ necessario precisare come in tale ottica il discorso non si esaurisca qui: proporremo ancora questionari o inviteremo in altri modi il “pubblico” ad esprimersi nel merito delle attività che svolgiamo. Un buon “feedback”, tanto più se critico, unito alla fiducia […]

    Voci dall’associazione…

    Anno nuovo, nuovi sviluppi e molte possibilità per “La Ruota”. Un punto nodale per lo svolgimento delle attività della nostra Associazione è rappresentato dal recepimento delle proposte di programmazione sin qui avanzate dal pubblico partecipante (e non) alle iniziative precedenti. Ci pare pertanto interessante pubblicare i risultati “preliminari” dello spoglio dei questionari fin qui ricevuti (Novembre – Dicembre 2004). E’ necessario precisare come in tale ottica il discorso non si esaurisca qui: proporremo ancora questionari o inviteremo in altri modi il “pubblico” ad esprimersi nel merito delle attività che svolgiamo. Un buon “feedback”, tanto più se critico, unito alla fiducia […]

    Leggi il resto...

  • da “L’Unità” del 10 Febbraio 2005 «La cultura la fà cascà la dittatura». Una frase che mi è rimasta ferma nel cervello fin dalla mia prima infanzia. La diceva nonna Argelide, contadina socialista, abitava a Volongo, provincia di Cremona, un paese dalle stesse parti di Sesto e Uniti dove è nato Sergio Cofferati. Erano gli anni neri della guerra: 1943, 1944, 1945. A Milano i bombardamenti, mio padre alla guerra in Russia, mia madre operaia della Innocenti ed io, bambina, sfollata a casa della nonna. Libera dalla scuola elementare mi divertivo un mondo a fare la guardiana delle oche che […]

    “La lezione di nonna Argelide”

    da “L’Unità” del 10 Febbraio 2005 «La cultura la fà cascà la dittatura». Una frase che mi è rimasta ferma nel cervello fin dalla mia prima infanzia. La diceva nonna Argelide, contadina socialista, abitava a Volongo, provincia di Cremona, un paese dalle stesse parti di Sesto e Uniti dove è nato Sergio Cofferati. Erano gli anni neri della guerra: 1943, 1944, 1945. A Milano i bombardamenti, mio padre alla guerra in Russia, mia madre operaia della Innocenti ed io, bambina, sfollata a casa della nonna. Libera dalla scuola elementare mi divertivo un mondo a fare la guardiana delle oche che […]

    Leggi il resto...

  • L’energia viene definita nei libri di testo scolastici come la capacità che un sistema ha di produrre lavoro. Cosa sia il lavoro viene poi solitamente illustrato con esempi che molto spesso esulano dalla vita di tutti i giorni. Il concetto di energia, così, rischia di diventare qualcosa di astratto, di impalpabile, che esaurisce il proprio significato solo in applicazioni tecniche. La definizione di energia, apparentemente sterile nella forma, tuttavia contiene in sé una verità profonda, per nulla scontata: energia è movimento, energia è calore, materia, radiazione elettromagnetica, energia è rumore. Tutto ciò che vive ha bisogno di energia; non esiste […]

    L’energia

    L’energia viene definita nei libri di testo scolastici come la capacità che un sistema ha di produrre lavoro. Cosa sia il lavoro viene poi solitamente illustrato con esempi che molto spesso esulano dalla vita di tutti i giorni. Il concetto di energia, così, rischia di diventare qualcosa di astratto, di impalpabile, che esaurisce il proprio significato solo in applicazioni tecniche. La definizione di energia, apparentemente sterile nella forma, tuttavia contiene in sé una verità profonda, per nulla scontata: energia è movimento, energia è calore, materia, radiazione elettromagnetica, energia è rumore. Tutto ciò che vive ha bisogno di energia; non esiste […]

    Leggi il resto...

  • Io penso che la cultura sia un grande tesoro, una enorme fortuna che tutti noi abbiamo a disposizione. È come avere un deposito dell’insieme dei concetti, codificati in molti modi, che ci danno la possibilità di interagire con efficacia, in maniera innovativa, utilmente, con gli eventi esterni ed interni a noi stessi. I modi con cui questi concetti sono codificati dalla cultura sono molto vari: da forme più logiche ad altre più intuitive, una gamma di modalità che va dall’arte figurativa alla musica, dalle lettere alla scienza. Questi concetti ci permettono di ottenere dei risultati anche pratici diversi o migliori […]

    A proposito di “Cultura”…

    Io penso che la cultura sia un grande tesoro, una enorme fortuna che tutti noi abbiamo a disposizione. È come avere un deposito dell’insieme dei concetti, codificati in molti modi, che ci danno la possibilità di interagire con efficacia, in maniera innovativa, utilmente, con gli eventi esterni ed interni a noi stessi. I modi con cui questi concetti sono codificati dalla cultura sono molto vari: da forme più logiche ad altre più intuitive, una gamma di modalità che va dall’arte figurativa alla musica, dalle lettere alla scienza. Questi concetti ci permettono di ottenere dei risultati anche pratici diversi o migliori […]

    Leggi il resto...

  • Questa volta, tocca a me tentare di definire  la cultura. Niente enciclopedie, solo una sensazione: la cultura è l’anima di una civiltà. Come tanti ne siamo convinti, credenti o no, l’anima, se c’è, vive anche senza il corpo. Così la cultura. I Maya sono scomparsi da secoli, i Faraoni, i Vichinghi e gli Etruschi altrettanto. Eppure, scavando la terra o avventurandosi sulle montagne, si riesce a fare un quadro preciso della loro civiltà, grazie alla loro cultura. Osservando resti del loro passato si riesce a definire il loro modo di vivere e di pensare. Ciò significa che la presenza fisica […]

    A proposito di “Cultura”…

    Questa volta, tocca a me tentare di definire  la cultura. Niente enciclopedie, solo una sensazione: la cultura è l’anima di una civiltà. Come tanti ne siamo convinti, credenti o no, l’anima, se c’è, vive anche senza il corpo. Così la cultura. I Maya sono scomparsi da secoli, i Faraoni, i Vichinghi e gli Etruschi altrettanto. Eppure, scavando la terra o avventurandosi sulle montagne, si riesce a fare un quadro preciso della loro civiltà, grazie alla loro cultura. Osservando resti del loro passato si riesce a definire il loro modo di vivere e di pensare. Ciò significa che la presenza fisica […]

    Leggi il resto...

  • Siamo molto lieti della risposta di pubblico ai primi due incontri sulla comunicazione (una quarantina all’incirca i presenti) e ringraziamo il Dr. Ciancibello per la chiarezza espositiva mostrata e la capacità di coinvolgimento degli astanti. A seguito, però, di alcune critiche ricevute da una parte del pubblico, ci sentiamo in dovere di scusarci per l’inevitabile “effetto sauna” causato da una sede sì ristretta, mostratasi indubbiamente inadeguata. Contiamo per il futuro nella possibilità di utilizzare locazioni più opportune. Vi informiamo altresì che in occasione dell’ultima serata del 17 Dicembre, sarà predisposta una “bicchierata” conclusiva di questo seminario d’approccio alla comunicazione. Cogliamo […]

    “Comunicare in modo costruttivo”, un commento alle 1a e 2a serata.

    Siamo molto lieti della risposta di pubblico ai primi due incontri sulla comunicazione (una quarantina all’incirca i presenti) e ringraziamo il Dr. Ciancibello per la chiarezza espositiva mostrata e la capacità di coinvolgimento degli astanti. A seguito, però, di alcune critiche ricevute da una parte del pubblico, ci sentiamo in dovere di scusarci per l’inevitabile “effetto sauna” causato da una sede sì ristretta, mostratasi indubbiamente inadeguata. Contiamo per il futuro nella possibilità di utilizzare locazioni più opportune. Vi informiamo altresì che in occasione dell’ultima serata del 17 Dicembre, sarà predisposta una “bicchierata” conclusiva di questo seminario d’approccio alla comunicazione. Cogliamo […]

    Leggi il resto...

  • Venerdì 3 – 10 – 17 Dicembre 2004 Sala delle associazioni, Borgo Medievale, Gruaro Il corso ha come obiettivo quello di fornire una conoscenza di base, e le relative tecniche, sulla comunicazione, in modo da acquisire una buona capacità di interagire efficacemente con le persone. Il percorso formativo si articola su tre incontri della durata di due ore ciascuno. Nel 1° e 2° incontro si cercherà di individuare e sviluppare le capacità di base, indispensabili per favorire e fissare un rapporto costruttivo con l’altro. Nel 3° incontro si cercherà di individuare e sviluppare le abilità necessarie per rispondere in modo […]

    “Comunicare in modo costruttivo”, dr. Ezio Ciancibello

    Venerdì 3 – 10 – 17 Dicembre 2004 Sala delle associazioni, Borgo Medievale, Gruaro Il corso ha come obiettivo quello di fornire una conoscenza di base, e le relative tecniche, sulla comunicazione, in modo da acquisire una buona capacità di interagire efficacemente con le persone. Il percorso formativo si articola su tre incontri della durata di due ore ciascuno. Nel 1° e 2° incontro si cercherà di individuare e sviluppare le capacità di base, indispensabili per favorire e fissare un rapporto costruttivo con l’altro. Nel 3° incontro si cercherà di individuare e sviluppare le abilità necessarie per rispondere in modo […]

    Leggi il resto...

  • Beslan “Madri impazzite guardano vecchi recitare orazioni su libri rigonfi di pianto” T.B. Come parlarne ai bambini. La breve ma intensa poesia, oltre che riproporre l’assurda atrocità di quanto accaduto in Ossezia, ci aiuta a focalizzare, nell’ambito della galassia comunicazione, un aspetto delicato e problematico: se e come parlare con i bambini di tragedie ed atrocità che accadono attorno a loro. Ho trovato particolarmente stimolante, su questo argomento, un articolo di Fulvio Scaparro, pubblicato su “Il Messaggero di Sant’Antonio” di Novembre. Scaparro, sollecitato, come lui dice, da numerose lettere e richieste di chiarimento e consiglio da parte di genitori, insegnanti, […]

    Comunicare per capire: contributo per un dibattito

    Beslan “Madri impazzite guardano vecchi recitare orazioni su libri rigonfi di pianto” T.B. Come parlarne ai bambini. La breve ma intensa poesia, oltre che riproporre l’assurda atrocità di quanto accaduto in Ossezia, ci aiuta a focalizzare, nell’ambito della galassia comunicazione, un aspetto delicato e problematico: se e come parlare con i bambini di tragedie ed atrocità che accadono attorno a loro. Ho trovato particolarmente stimolante, su questo argomento, un articolo di Fulvio Scaparro, pubblicato su “Il Messaggero di Sant’Antonio” di Novembre. Scaparro, sollecitato, come lui dice, da numerose lettere e richieste di chiarimento e consiglio da parte di genitori, insegnanti, […]

    Leggi il resto...