gruaro scrive Archivi

  • in occasione del decennale della nostra associazione, alcuni soci ci hanno inviato dei versi che volentieri pubblichiamo… DECENNALE E nonostante tutto noi siamo ancora qui ineluttabilmente tra incanti appassionati e geremiadi stanche a frazionare l’ora drammatica                                  e confusa del presente slabbrato gemma dell’ieri infelice.   E andiamo ancora avanti                       inevitabilmente a pensare che                           forse un aleph di parole può essere rimedio forza                       anche consolazione nel vortice dei raggi. CI RUOTA Nell’ossessivo giro tracciava                            sulla terra meravigliosi cerchi e labirinti                             oscuri intersecando i segni con quelli dei passati per giungere                         d’illusione al vortice                  del senso all’armonia segreta, la memoria                                      dispersa l’antica […]

    Divagazioni in forma di ruota (parte 5)

    in occasione del decennale della nostra associazione, alcuni soci ci hanno inviato dei versi che volentieri pubblichiamo… DECENNALE E nonostante tutto noi siamo ancora qui ineluttabilmente tra incanti appassionati e geremiadi stanche a frazionare l’ora drammatica                                  e confusa del presente slabbrato gemma dell’ieri infelice.   E andiamo ancora avanti                       inevitabilmente a pensare che                           forse un aleph di parole può essere rimedio forza                       anche consolazione nel vortice dei raggi. CI RUOTA Nell’ossessivo giro tracciava                            sulla terra meravigliosi cerchi e labirinti                             oscuri intersecando i segni con quelli dei passati per giungere                         d’illusione al vortice                  del senso all’armonia segreta, la memoria                                      dispersa l’antica […]

    Leggi il resto...

  • in occasione del decennale della nostra associazione, alcuni soci ci hanno inviato dei versi che volentieri pubblichiamo… DEFINIZIONE Non sono di sole quelli di una ruota non scie di chiaro lucide e tese. Solo funamboli impazienti in girotondo diviso, distanti equilibristi stabili al centro. L.B.

    Divagazioni in forma di ruota (parte 3)

    in occasione del decennale della nostra associazione, alcuni soci ci hanno inviato dei versi che volentieri pubblichiamo… DEFINIZIONE Non sono di sole quelli di una ruota non scie di chiaro lucide e tese. Solo funamboli impazienti in girotondo diviso, distanti equilibristi stabili al centro. L.B.

    Leggi il resto...

  • in occasione del decennale della nostra associazione, alcuni soci ci hanno inviato dei versi che volentieri pubblichiamo… METAMORFOSI Al mattino via, a lavorare, in corriera continuavo a sognare. Sognavo la morosa, la famiglia, la casa un trattore, l’amore e un campo da arare. Temevo reverente la camicia bianca di Lino e la pacca pesante sulle spalle di Luciano Sembrava proprio sbocciato il secolo d’oro e i nostri “paroni” ne facevan tesoro Fatiche tante e tanti calli sulle mani fronte bagnata di sudore in quegli anni. Ora che son vecchio e raggiunto ho tutto frana quel mondo e mi sento distrutto […]

    Divagazioni in forma di ruota (parte 1)

    in occasione del decennale della nostra associazione, alcuni soci ci hanno inviato dei versi che volentieri pubblichiamo… METAMORFOSI Al mattino via, a lavorare, in corriera continuavo a sognare. Sognavo la morosa, la famiglia, la casa un trattore, l’amore e un campo da arare. Temevo reverente la camicia bianca di Lino e la pacca pesante sulle spalle di Luciano Sembrava proprio sbocciato il secolo d’oro e i nostri “paroni” ne facevan tesoro Fatiche tante e tanti calli sulle mani fronte bagnata di sudore in quegli anni. Ora che son vecchio e raggiunto ho tutto frana quel mondo e mi sento distrutto […]

    Leggi il resto...

  • Le poesie qui riprodotte sono tratte da una raccolta, premiata  a Portogruaro come miglior lavoro poetico realizzato nell’ambito scolastico ed è stata redatta dalla classe III della Scuola media statale di Gruaro. Gioia Il fiume è felice Di vivere in curve perfette Tra carezze di tenere alghe E allegre voglie di nuoto. Il fiume è felice Di scorrere in liquidi nastri Per cercare il sogno d’andare Nella calma serena del mare. Il fiume è felice Di nutrire squame guizzanti E bagnare rive assolate E campi, paesi e città. Il fiume è felice, felice… Sonia Nosella Se fossi… Se fossi un […]

    Poesie

    Le poesie qui riprodotte sono tratte da una raccolta, premiata  a Portogruaro come miglior lavoro poetico realizzato nell’ambito scolastico ed è stata redatta dalla classe III della Scuola media statale di Gruaro. Gioia Il fiume è felice Di vivere in curve perfette Tra carezze di tenere alghe E allegre voglie di nuoto. Il fiume è felice Di scorrere in liquidi nastri Per cercare il sogno d’andare Nella calma serena del mare. Il fiume è felice Di nutrire squame guizzanti E bagnare rive assolate E campi, paesi e città. Il fiume è felice, felice… Sonia Nosella Se fossi… Se fossi un […]

    Leggi il resto...

  • Maledeta chê volta Maledeta chê volta ch’ài tacât a scrîve no parceche al é mal scrîve ma parceche era maledeta chê volta che ère belsoul e vaîve e par chist ‘e scrivêve. Maledetta la volta Maledetto il giorno/in cui ho cominciato a scrivere/ non perchè/ sia male scrivere/ ma perchè/ era un giorno maledetto/ quello in cui ero solo / e piangevo/ e per questo/ scrivevo. Ninuta Lu farêstu l’amour cu li mê poesies ? Cuala te plàse de pì ? Cun cuala te plasarèssal zî pì volanteir a liet? Cuala al gjolde cuala no postu fâ de mancu, cuala […]

    Federico Tavan

    Maledeta chê volta Maledeta chê volta ch’ài tacât a scrîve no parceche al é mal scrîve ma parceche era maledeta chê volta che ère belsoul e vaîve e par chist ‘e scrivêve. Maledetta la volta Maledetto il giorno/in cui ho cominciato a scrivere/ non perchè/ sia male scrivere/ ma perchè/ era un giorno maledetto/ quello in cui ero solo / e piangevo/ e per questo/ scrivevo. Ninuta Lu farêstu l’amour cu li mê poesies ? Cuala te plàse de pì ? Cun cuala te plasarèssal zî pì volanteir a liet? Cuala al gjolde cuala no postu fâ de mancu, cuala […]

    Leggi il resto...

  • Te si dentro Te si dentro e no te trovo te si fora e no te trovo te si da par tuto fra tute le robe del mondo le pigne le piaghe le stringhe le ongie le franze che sponze le pignate de marenghi remenghi le patate sgionfe de sono e me poro nono e no te trovo. Ti che te si fra mi e mi no te vedo no te trovo no te trovo. La scelta Tra quel che xe fora e quel che xe drento tra quel che xe nudo e quel che xe vestìo tra quel che […]

    Ernesto Calzavara

    Te si dentro Te si dentro e no te trovo te si fora e no te trovo te si da par tuto fra tute le robe del mondo le pigne le piaghe le stringhe le ongie le franze che sponze le pignate de marenghi remenghi le patate sgionfe de sono e me poro nono e no te trovo. Ti che te si fra mi e mi no te vedo no te trovo no te trovo. La scelta Tra quel che xe fora e quel che xe drento tra quel che xe nudo e quel che xe vestìo tra quel che […]

    Leggi il resto...

  • Nuvole disordinate Nuvole disordinate sono i pensieri sillabe spezzate il vento mette in fila nuvole di canto se sei il cielo disteso nell’azzurro completamente bianco. da “Con respiro lieve” per Alda Merini Crescono da sole le figlie della notte devo metterle al mondo Ogni poeta lava il suo pensiero, Mia Signora e la mia acqua è ancora così colorata…. da “Con respiro lieve” [print_link]

    Sandra Torresani

    Nuvole disordinate Nuvole disordinate sono i pensieri sillabe spezzate il vento mette in fila nuvole di canto se sei il cielo disteso nell’azzurro completamente bianco. da “Con respiro lieve” per Alda Merini Crescono da sole le figlie della notte devo metterle al mondo Ogni poeta lava il suo pensiero, Mia Signora e la mia acqua è ancora così colorata…. da “Con respiro lieve” [print_link]

    Leggi il resto...

  • Le Baruffe Chiozzotte Prima di salire Sull’altare Le dissi: Sei così bella Così carina Che ti mangerei viva Oggi Mi pento Di non averlo fatto Quando lei mi lasciò Non la buttai sul patetico La buttai Dalla finestra da “La posta in gioco” – Nuova Dimensione Un Tecnico Non avrei mai immaginato Di ritrovarmi da solo con lei Al buio E nel silenzio più assoluto A rubarci la stessa aria. All’improvviso Lei mi getta le braccia al collo E mi sussurra piano Di restare così Per l’eternità. Stavo per risponderle di sì Quando mi salvò un tecnico Riparando il guasto […]

    Mirco Stefanon

    Le Baruffe Chiozzotte Prima di salire Sull’altare Le dissi: Sei così bella Così carina Che ti mangerei viva Oggi Mi pento Di non averlo fatto Quando lei mi lasciò Non la buttai sul patetico La buttai Dalla finestra da “La posta in gioco” – Nuova Dimensione Un Tecnico Non avrei mai immaginato Di ritrovarmi da solo con lei Al buio E nel silenzio più assoluto A rubarci la stessa aria. All’improvviso Lei mi getta le braccia al collo E mi sussurra piano Di restare così Per l’eternità. Stavo per risponderle di sì Quando mi salvò un tecnico Riparando il guasto […]

    Leggi il resto...

  • Grispis di mari Tal musu dal spieli i viodi me mari: grispis novis e vui torgui. Mi clama mi tocia si stravieia. Dut ti fa crodi ca no sedi E sì ti sos stada flour e frutan…… Dopu lé scur Mama Flour spaurit giardin sensa soreli maravea distudada rabiada cul mont Combàti par nuia sensa capì. Dislubiada di lavour displaseis ingrandis tal sito. Mans di pluma ca sgualavin tala tela ciamisutis cula puntina e sovrapons ca no finivin mai. Cussì tal freit è sgualada la vita. [print_link]

    Gilberta Antoniali

    Grispis di mari Tal musu dal spieli i viodi me mari: grispis novis e vui torgui. Mi clama mi tocia si stravieia. Dut ti fa crodi ca no sedi E sì ti sos stada flour e frutan…… Dopu lé scur Mama Flour spaurit giardin sensa soreli maravea distudada rabiada cul mont Combàti par nuia sensa capì. Dislubiada di lavour displaseis ingrandis tal sito. Mans di pluma ca sgualavin tala tela ciamisutis cula puntina e sovrapons ca no finivin mai. Cussì tal freit è sgualada la vita. [print_link]

    Leggi il resto...

  • Il verme “Quel verme che osservo dal balcone strisciare per terra sotto gli occhi mi fa venire in mente la notizia, letta stamane sul giornale, del suicidio del famoso principe Lana. Perchè il principe Lana che possedeva beni, cariche,amici, donne, si è suicidato, mentre i vermi e gli altri animali di infimo ordine, che fanno una vita così misera, non si suicidano? Forse perchè il principe Lama non era un verme?! O perchè non voleva essere tale, mentre l’inesorabile legge della vita lo spingeva verso l’infimo ordine?! (Ma ciò non è esatto, dato che il principe Lana non aveva dissesti). […]

    Mentore Romani

    Il verme “Quel verme che osservo dal balcone strisciare per terra sotto gli occhi mi fa venire in mente la notizia, letta stamane sul giornale, del suicidio del famoso principe Lana. Perchè il principe Lana che possedeva beni, cariche,amici, donne, si è suicidato, mentre i vermi e gli altri animali di infimo ordine, che fanno una vita così misera, non si suicidano? Forse perchè il principe Lama non era un verme?! O perchè non voleva essere tale, mentre l’inesorabile legge della vita lo spingeva verso l’infimo ordine?! (Ma ciò non è esatto, dato che il principe Lana non aveva dissesti). […]

    Leggi il resto...