letteratura Archivi

  • (San Stino di Livenza, 1909 – Treviso, 1982) INSOGNO AZURO Ancùo son contento, vorìa far ‘na poesia liziera come l’è ‘sto primo sol de istà che’l s’ha levà bonora e de bona voia come ‘na massera che spalanca i veri a l’aria pura. Ma la pena resta ferma, el folio bianco, la volontà se nina fra el far e no far,pian,pianpianìn, in un insogno azuro. Anca mi ancùo me sinte drento come ‘na massera che slarga i brassi e la se senta dopo che l’ha netà tuta la casa. CO POCHE PAROE Co poche paroe far poesia granda come’l sass […]

    Un poeta: Romano Pascutto

    (San Stino di Livenza, 1909 – Treviso, 1982) INSOGNO AZURO Ancùo son contento, vorìa far ‘na poesia liziera come l’è ‘sto primo sol de istà che’l s’ha levà bonora e de bona voia come ‘na massera che spalanca i veri a l’aria pura. Ma la pena resta ferma, el folio bianco, la volontà se nina fra el far e no far,pian,pianpianìn, in un insogno azuro. Anca mi ancùo me sinte drento come ‘na massera che slarga i brassi e la se senta dopo che l’ha netà tuta la casa. CO POCHE PAROE Co poche paroe far poesia granda come’l sass […]

    Leggi il resto...

  • Le poesie qui riprodotte sono tratte da una raccolta, premiata  a Portogruaro come miglior lavoro poetico realizzato nell’ambito scolastico ed è stata redatta dalla classe III della Scuola media statale di Gruaro. Gioia Il fiume è felice Di vivere in curve perfette Tra carezze di tenere alghe E allegre voglie di nuoto. Il fiume è felice Di scorrere in liquidi nastri Per cercare il sogno d’andare Nella calma serena del mare. Il fiume è felice Di nutrire squame guizzanti E bagnare rive assolate E campi, paesi e città. Il fiume è felice, felice… Sonia Nosella Se fossi… Se fossi un […]

    Poesie

    Le poesie qui riprodotte sono tratte da una raccolta, premiata  a Portogruaro come miglior lavoro poetico realizzato nell’ambito scolastico ed è stata redatta dalla classe III della Scuola media statale di Gruaro. Gioia Il fiume è felice Di vivere in curve perfette Tra carezze di tenere alghe E allegre voglie di nuoto. Il fiume è felice Di scorrere in liquidi nastri Per cercare il sogno d’andare Nella calma serena del mare. Il fiume è felice Di nutrire squame guizzanti E bagnare rive assolate E campi, paesi e città. Il fiume è felice, felice… Sonia Nosella Se fossi… Se fossi un […]

    Leggi il resto...

  • Maledeta chê volta Maledeta chê volta ch’ài tacât a scrîve no parceche al é mal scrîve ma parceche era maledeta chê volta che ère belsoul e vaîve e par chist ‘e scrivêve. Maledetta la volta Maledetto il giorno/in cui ho cominciato a scrivere/ non perchè/ sia male scrivere/ ma perchè/ era un giorno maledetto/ quello in cui ero solo / e piangevo/ e per questo/ scrivevo. Ninuta Lu farêstu l’amour cu li mê poesies ? Cuala te plàse de pì ? Cun cuala te plasarèssal zî pì volanteir a liet? Cuala al gjolde cuala no postu fâ de mancu, cuala […]

    Federico Tavan

    Maledeta chê volta Maledeta chê volta ch’ài tacât a scrîve no parceche al é mal scrîve ma parceche era maledeta chê volta che ère belsoul e vaîve e par chist ‘e scrivêve. Maledetta la volta Maledetto il giorno/in cui ho cominciato a scrivere/ non perchè/ sia male scrivere/ ma perchè/ era un giorno maledetto/ quello in cui ero solo / e piangevo/ e per questo/ scrivevo. Ninuta Lu farêstu l’amour cu li mê poesies ? Cuala te plàse de pì ? Cun cuala te plasarèssal zî pì volanteir a liet? Cuala al gjolde cuala no postu fâ de mancu, cuala […]

    Leggi il resto...

  • Te si dentro Te si dentro e no te trovo te si fora e no te trovo te si da par tuto fra tute le robe del mondo le pigne le piaghe le stringhe le ongie le franze che sponze le pignate de marenghi remenghi le patate sgionfe de sono e me poro nono e no te trovo. Ti che te si fra mi e mi no te vedo no te trovo no te trovo. La scelta Tra quel che xe fora e quel che xe drento tra quel che xe nudo e quel che xe vestìo tra quel che […]

    Ernesto Calzavara

    Te si dentro Te si dentro e no te trovo te si fora e no te trovo te si da par tuto fra tute le robe del mondo le pigne le piaghe le stringhe le ongie le franze che sponze le pignate de marenghi remenghi le patate sgionfe de sono e me poro nono e no te trovo. Ti che te si fra mi e mi no te vedo no te trovo no te trovo. La scelta Tra quel che xe fora e quel che xe drento tra quel che xe nudo e quel che xe vestìo tra quel che […]

    Leggi il resto...

  • Le Baruffe Chiozzotte Prima di salire Sull’altare Le dissi: Sei così bella Così carina Che ti mangerei viva Oggi Mi pento Di non averlo fatto Quando lei mi lasciò Non la buttai sul patetico La buttai Dalla finestra da “La posta in gioco” – Nuova Dimensione Un Tecnico Non avrei mai immaginato Di ritrovarmi da solo con lei Al buio E nel silenzio più assoluto A rubarci la stessa aria. All’improvviso Lei mi getta le braccia al collo E mi sussurra piano Di restare così Per l’eternità. Stavo per risponderle di sì Quando mi salvò un tecnico Riparando il guasto […]

    Mirco Stefanon

    Le Baruffe Chiozzotte Prima di salire Sull’altare Le dissi: Sei così bella Così carina Che ti mangerei viva Oggi Mi pento Di non averlo fatto Quando lei mi lasciò Non la buttai sul patetico La buttai Dalla finestra da “La posta in gioco” – Nuova Dimensione Un Tecnico Non avrei mai immaginato Di ritrovarmi da solo con lei Al buio E nel silenzio più assoluto A rubarci la stessa aria. All’improvviso Lei mi getta le braccia al collo E mi sussurra piano Di restare così Per l’eternità. Stavo per risponderle di sì Quando mi salvò un tecnico Riparando il guasto […]

    Leggi il resto...

  • Il mulino scomparso di Stalis Ormai il rovo e la vitalba aggrediscono la pietra angolare, lattine e membrane di politene hanno singulti in una strozzatatura d’acque: sarà possibile ancora uscire nel focolare invernale del tramonto quando una vampa tenta di lambire fascine di frassini intorpiditi d’edera? Sarà possibile nell’ora tumescente dove i viottoli e le passerelle scivolando incerti conducono alla macina scomparsa della memoria smascherare il vuoto d’orma galleggiante barca piatta di fiume senza passeggeri e senza voci? esiste già nei volti la vertigine d’ombra che davanti e dietro accompagna il Lemene che scorre senza bisbigli di rive. A chi […]

    Lionello Fioretti

    Il mulino scomparso di Stalis Ormai il rovo e la vitalba aggrediscono la pietra angolare, lattine e membrane di politene hanno singulti in una strozzatatura d’acque: sarà possibile ancora uscire nel focolare invernale del tramonto quando una vampa tenta di lambire fascine di frassini intorpiditi d’edera? Sarà possibile nell’ora tumescente dove i viottoli e le passerelle scivolando incerti conducono alla macina scomparsa della memoria smascherare il vuoto d’orma galleggiante barca piatta di fiume senza passeggeri e senza voci? esiste già nei volti la vertigine d’ombra che davanti e dietro accompagna il Lemene che scorre senza bisbigli di rive. A chi […]

    Leggi il resto...